La storia

storia9

Il nome della nostra Associazione è legato a Giuseppe Gabetti, musicista di Casa Savoia che, nel 1834, compone l’Inno della Monarchia Italiana e trascorre a La Morra gli ultimi anni della sua vita, dedicandosi ad insegnare e a trasmettere ai giovani del luogo la cultura e il piacere della musica e della recitazione.Il desiderio di avere un gruppo, per rappresentare il paese attraverso la musica, pervade da tempo l’animo dei Lamorresi.
Dagli archivi comunali risulta infatti che, nel 1822, alcuni “postulanti” rivolgono una “Supplica” al Podestà “…. all’uopo di formare una fanfara di tipo militare ….”ma dalla documentazione non ci è dato di sapere se il permesso viene accordato.
Bisogna proseguire la ricerca fino al 1893 per scoprire che, con l’opera benemerita del Gabetti, alcuni decenni dopo la sua morte, si forma la banda musicale con uno Statuto che ne regola l’attività, le modalità di accesso e ne sancisce l’esistenza giuridica.
Dopo il primo conflitto mondiale, l’interesse educativo per la musica bandistica passa in mano al clero della Parrocchia e si forma la Banda Musicale del Ricreatorio Maschile San Luigi; ne fanno testimonianza alcune fotografie ritrovate presso musici anziani.
I maestri dell’epoca non sono dei veri musicisti, bensì dei musicanti di acquisita esperienza che spendono il loro tempo con dedizione e generosità perché il Gruppo possa solennizzare le ricorrenze religiose e civili più importanti.
Il secondo conflitto mondiale cancella quasi totalmente il lavoro precedente e negli anni ’50, sempre con il patrocinio della Parrocchia, si dà vita alla Banda Musicale “Santa Cecilia”.
Il ruolo dirigenziale viene affidato al maestro Bergamasco, non originario di La Morra, conosciuto per aver
composto uno dei brani della colonna sonora del film “Addio alle armi”.
La sua pazienza e la sua capacità portano alla costituzione di un nuovo gruppo che dura fin verso il 1960, anche grazie alla guida di altri musici.
Dopo tale periodo, tutto sembra ritornare in crisi ed è soltanto per merito della buona volontà di un artista dilettante, se parte del costruito viene salvato con la creazione di un gruppo denominato “La Mosaica”.
La nuova formazione raccoglie musicanti provenienti da vari Paesi del circondario e da Bande precedentemente sciolte. Purtroppo, nel giro di dieci anni, anche questo sodalizio è costretto a sparire, non senza qualche polemica.
Nel 1970 è la Pro Loco di La Morra che si fa carico del problema e si impegna per far rivivere il complesso bandistico, accollandosi le svariate spese da sostenere. Il lavoro di direzione e coordinamento dell’iniziativa è affidato al maestro Perrone, lamorrese di nascita ma da tanti anni lontano dal Centro langarolo.
E’ questa una tappa importante, perché alcuni di quei ragazzi che all’epoca intraprendono lo studio musicale, costituiscono tuttora il nucleo dell’attuale formazione. Si sceglie di intitolare la compagine al musicista “Giuseppe Gabetti” ma, quando le cose sembrano volgere al meglio con lusinghieri risultati, le ristrettezze economiche in cui versano la Pro Loco stessa e le casse Comunali, costringono ad una scelta forzata: la fusione della Banda Musicale di La Morra con quella della vicina Cherasco. Inizialmente i problemi sembrano superati ma, con il passare degli anni, i rapporti si fanno più difficoltosi, fino a dimostrare tutta l’usura del tempo.
Si giunge, con questa situazione, al 1986 quando, per volere dell’Amministrazione Comunale, per vivo desiderio di molti musici lamorrese e per il generoso aiuto dei cittadini, si decide di ritornare all’autonomia
di gestione.
Viene costituito un Consiglio di Amministrazione che elegge alla carica di maestro il Prof. Giuseppe Boffa e si dà inizio ad una fitta ed impegnativa attività di studio. In breve tempo il piccolo Gruppo ritorna in grado di affrontare e superare i primi impegni con gratificanti soddisfazioni; attraverso i successivi corsi di formazione si potenzia l’organico e si provvede a rinnovare il repertorio.
Il Complesso bandistico, mantenendo il nome di Giuseppe Gabetti, si ricostituisce legalmente nel 1992, dandosi uno Statuto e di conseguenza un Regolamento interno per gli aspetti più pratici della vita associativa. In base allo Statuto, le attività svolte non perseguono fini di lucro e sono mirate all’educazione formativa, culturale e sociale dei giovani e degli adulti, nonché al recupero di una cultura storica attraverso lo studio di brani musicali di epoche diverse.
Alla riuscita ed al buon proseguimento dell’iniziativa contribuiscono molti fattori: la capacità decisionale dei Presidenti e degli Amministratori, la buona volontà dei musici, la preparazione e la pazienza del Maestro, ma anche il progressivo sviluppo economico, turistico e culturale del territorio.Oggi la “Giuseppe Gabetti” è formata da una cinquantina di elementi, vanta un curriculum significativo ed è l’unica Banda Musicale presente nella zona di produzione vinicola denominata “Terre del barolo”.
Essa si pone sul territorio come realtà vitale e, con la sua produzione, collabora per realizzare il processo di crescita dell’immagine e della qualità, requisito oggi indispensabile in una logica di economia di mercato.

PARTNERSHIP & SPONSOR

la morra
Comune di La Morra
unicredit 1
Banca Unicredit
Egea commerciale energia
EGEA Commerciale
ars
ARS Elettromeccanica
cordero-logo-big
Cordero di Montezemolo
rocche-costamagna
Rocche Costamagna
Logo Agricola Marrone 1
Agricola Marrone
logo cantina 3
Cantina comunale